Recupero dati da pen drive: cosa fare in caso di perdita dei dati.

22 novembre 2017
Recupero dati da pen drive cosa fare in caso di perdita dei dati.

La Pendrive USB, denominata anche chiavetta o USB flash drive, è una memoria di massa portatile molto diffusa tra gli utenti per archiviare e portare sempre con sé  tutta una serie di dati utili (immagini, file audio e video, archivi, ecc.). Col tempo la loro capacità di archiviazione è stata sensibilmente aumentata, consentendo all’ utilizzatore di inserire al suo interno una discreta quantità di documenti, la cui perdita potrebbe determinare problemi rilevanti. Va detto, infatti, che le chiavette sono dei dispositivi piuttosto delicati e basta poco per danneggiarne il funzionamento e renderne inaccessibili i dati in esse contenuti. D’altra parte può anche capitare che, a causa di un errore umano, i file vengano cancellati o che la USB flash drive venga accidentalmente formattata. Come comportarsi in questi casi? Come per gli hard disk è possibile effettuare il recupero dati da pen drive? La risposta, per fortuna, è affermativa. Vediamo di seguito step by step cosa si può fare per il ripristino dei dati cancellati o inaccessibili.

Cosa fare per il recupero dati da pen drive

Il recupero dati pen drive è possibile grazie ad alcuni software professionali appositamente sviluppati per il ripristino dei dati cancellati da qualsiasi USB flash drive. Questi programmi, in effetti, sono capaci di leggere tutti i settori delle memorie in cui i dati erano stati collocati e da cui sono stati in seguito cancellati. Ciò è possibile in quanto questi file non risultano eliminati in maniera definitiva: il sistema operativo, in altri termini, ha semplicemente svuotato i settori precedentemente occupati dai file al fine di rendere possibile la registrazione di nuovi dati. Tuttavia è bene precisare a tal proposito che la scansione e il successivo recupero dati da pen drive, è possibile solo se quest’ultima non abbia subito dei danni “fisici”: in questo ultimo caso, infatti, il ripristino risulta essere impossibile per qualsiasi tipo di software, e bisogna intervenire direttamente sul chip della memoria.
Nel caso in cui, durante il processo di ripristino, compaia un messaggio di errore, significa che il file è corrotto e di conseguenza è solo parzialmente recuperabile. Per questa tipologia di documenti è necessario avviare un tipo di scansione più approfondita e verificare se tramite essa è possibile ottenere un risultato soddisfacente.
Ricordiamo che è molto importante affidarsi a veri professionisti, e non effettuare nessun intervento “fai da te” perché potrebbe essere molto dannoso per i dati che si ha intenzione di recuperare.

Recupero dati da pen drive: cosa fare in caso di perdita dei dati. ultima modifica: 2017-11-22T11:32:04+00:00 da Staff


Tags


Perchè
scegliere noi

Prezzi
competititvi
Recupero
dati da
TUTTI
i dispositivi
PAGHI
SOLO
i dati che
recuperiamo
MASSIMA
riservatezza
dei vostri dati